Lo Studio De Pas, di Psicologia e Psicoterapia, è stato accreditato, con DELIBERA ASL n. 1045 del 24/9/2013, come Soggetto Autorizzato alla Prima Diagnosi Certificata del D.S.A. Leggi tutto.

Nuovo Corso

Maggiori informazioni >qui<

Parliamo

balbuzie--200x250.jpg

Conversiamo

01.jpg

Dialoghiamo

03.jpg
Home
Benvenuti in Curare la balbuzie a Milano, Studio De Pas

 

Studio De Pas: dal 1973 a Milano in via Maddalena 1.
Cura della balbuzie, rieducazione D.S.A., psicoterapia, logopedia.

L'attività dello STUDIO DE PAS:

  • Psicoterapia, logopedia
  • Cura della balbuzie
  • Rieducazione della dislessia
  • Rieducazione delle dislalie
  • Rieducazione del linguaggio in presenza di handicap

 

Nella sezione Balbuzie di questo sito si descrivono i criteri, la “mappa” - per così dire - del lavoro che viene svolto con le persone che presentano una forma di balbuzie.

Si lavora sulla persona e non sulla balbuzie: la balbuzie viene creata dalla persona. Per autosuggestione, per abitudine, per ansia.

Le cause di questo percorso e di come avvenga che la balbuzie si “fissa” in un individuo è oggetto di studi, ricerche e ipotesi e non le affrontiamo in questa sede.

La persona che balbetta, internamente possiede le capacità di un eloquio fluente: una potenzialità, che è totale. Quante volte, nella giornata, il suo linguaggio è scorrevole, fluido, bello! Perché, in quei momenti, la persona non vive tensioni e dà, senza saperlo, piena libertà alle proprie parole.

La modificazione del suo linguaggio - che, a quel punto, sfocia nella balbuzie - avviene sulla velocità dell’eloquio, sulle pause respiratorie, sui suoni troppo duri (le vocali come le consonanti), sul rapporto tra espirazione e fonazione, sul rapporto tra pensiero e parola. Sul rapporto tra sé e gli altri. Tutto questo si altera, all’insaputa e contro la volontà della persona che sta parlando.

La balbuzie, allora, va conosciuta nelle sue dinamiche, nei suoi modi di essere.

La persona acquista, in questo modo, un sapere verso se stessa, e, in particolare, verso la propria funzione linguaggio.

La balbuzie, allora, non sarà più quella cosa misteriosa, che rende inaffidabile il proprio linguaggio. E questo sapere determinerà un potere - e relativa percezione - sul proprio parlato.

Questo sapere nasce nella persona, grazie agli esercizi, alle prove, alla ricerca sul proprio linguaggio e respirazione.

Del resto, la più recente teoria dei “neuroni specchio” spiega perché i comportamenti umani, in particolare quelli verbali, sono modificabili: è un vero e proprio apprendimento, che la persona riesce a fare su se stessa e da se stessa, sotto la guida del terapeuta.

È una rieducazione del linguaggio che si genera scoprendo e usando le potenzialità, a quel punto conosciute e riconosciute.

La consapevolezza linguistica che ne deriva determina, nella persona, una “militanza” attiva e continua sul proprio linguaggio.

È un po’ come studiare la musica o il canto: l’esercizio continuo, lo studio, fa emergere le capacità. Che, nel nostro caso, non sono doti artistiche, ma semplicemente il linguaggio, la cui potenziale efficienza è rimasta intatta all’interno della persona che balbetta. Pur se la balbuzie nasconde quella antica efficienza e funzionalità.

Contemporaneamente a questo lavoro, l’ansia - che è la causa di quelle modificazioni del linguaggio - viene affrontata come parte integrante della personalità, all’interno di un percorso psicologico introspettivo e autoconoscitivo.

Con particolare riguardo al rapporto della persona con la comunicazione, in senso lato.

Unitamente a esercizi di rilassamento, capaci di dare alla persona strumenti nuovi nel rapporto con il proprio corpo.

Lo Studio De Pas porta avanti studi, ricerche e attività terapeutica sulla balbuzie dal 1973.

 

Per ulteriori informazioni visitate anche:

  • www.psikipedia.it
  • Molto interessante il blog A proposito di balbuzie a cura del dott. Roberto De Pas, su discussioni, aforismi, libri, persone, curiosità, siti web, per orientarsi nel mondo delle balbuzie.

Condividi!